Buon comportamento sui mezzi pubblici

  1. Il primo consiglio è per gli altri. Chi usa i mezzi pubblici riduce l’inquinamento, il rumore, il traffico. Quindi non va ostacolato. Anzi va aiutato. Consiglio per i politici. Gli automobilisti. Tutti.
  2. Quando si aprono le porte, come è noto, occorre prima far scendere chi è dentro, poi si inizia a salire. Se questo non è chiaro si perde tempo inutilmente. Una buona strategia è, in attessa di entrare, disporsi ai lati delle porte, oltre le porte però, non basta lasciare libero il centro.
  3. Occorre anche lasciare uscire le persone da dentro, nel caso in cui non si voglia uscire. Quindi, o ci si pone abbastanza lontano dalle porte. O si lascia passare agevolmente. O si scende anche se non si ha bisogno e poi si risale. Delle 3 scelte si tenti di prendere la migliore per gli altri e per sè.
  4. Al momento di apertura delle porte evitare comportamenti equivoci. Per esempio mi avvicino alla porta anche se non devo scendere subito ma alla prossima fermata. Chi deve scendere subito verrebbe frenato inaspettatamente. Meglio quindi muoversi in momenti meno concitati.
  5. Non aspettare all’ultimo prima di avvicinarsi alla porta di uscita, se si intende uscire alla fermata successiva.
  6. Si scende dalle porte centrali e si sale dalle laterali. Ok, è vero in teoria però questa regola è un po’ confusionaria. Perchè se c’è troppa gente non si può applicare. E allora non si capisce bene se sia da seguire o no. Nel dubbio allora considerare che tutti possono usare tutte le porte.
  7. Aggiunta alla precedente per gli autisti. Meglio aprire sempre tutte le porte. E’ vero che se l’autobus è vuoto allora si potrebbero aprire solo le porte di ingresso se nessuno ha prenotato, ma quando l’autobus è pieno non si può fare, e quanto è mezzo  pieno non si sa cosa aspettarsi. Quindi aprire solo alcune porte ha senso solo ad autobus molto poco frequentato.
  8. Non parlare urlando e soprattutto non parlare forte al telefono. E’ davvero fastidioso.
  9. Non ascoltare la musica se non in cuffia. E anche in cuffia il volume deve essere umano. Capita di sentire musica attraverso la cuffia a volume talmente elevato che è fastidioso anche da fuori.
  10. Tentare di non occupare troppo spazio, soprattutto quando l’autobus non è vuoto. Per esempio reggersi a un paletto verticale deve coinvolgere solo la mano, non tutto il corpo altrimenti tutto il paletto è occupato solo da me.
  11. Se non si scende a breve tentare di usare il centro dell’autobus invece delle zone vicine alle porte. Se questo non si si vuole fare, si deve però sempre stare attenti a non ostacolare chi esce, come detto prima.
  12. Essere sempre cortesi in caso di urti o comunque di comportamenti che possono averci arrecato un qualche fastidio. E’ molto probabile che la persona non lo abbia fatto apposta.
  13. Non fissare le persone. Certo uno sguardo è una cosa normale, ma fissare qualcuno è subito fastidioso e soprattutto insensato. Evitare.
  14. Non puzzare. Ovvero lavarsi.
  15. Essere  molto cortesi con l’autista. Qualunque cosa non vada anche nel servizio, è quasi sicuramente non dovuta a lui, quindi non ha senso prendersela con lui.
  16. Limitare le richieste all’autista e se possibile chiedere a qualcun altro per non distrarlo.
  17. Pagare il biglietto.
  18. Offrire il posto a chi ne ha bisogno. In teoria alcuni posti sono riservati per persone con difficoltà. Quindi prima dovrebbero offrire il proprio posto quelli che sono lì. In ogni caso è bene che lo faccia chiunque.
  19. Non cadere addosso agli altri durante le curve. Assicurarsi di essere ben saldi nelle propria posizione
  20. Per gli autisti: non guidare in modo spericolato. Nemmeno la notte o quando la strada è molto libera. Si ha la responsabilità delle persone. Non solo che arrivino, ma che arrivino senza mal di mare.

You may also like...

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *